Gli attori principali nel Social Trading

da | Mag 17, 2018 | Social Trading Segreti | 0 commenti

Per andare a comprendere come realmente funziona il Social Trading, conviene prima di tutto conoscere gli attori che fanno parte di questa grande macchina.

Il mercato Forex, la casa del Social Trading

Il Forex è in assoluto il più grande mercato al mondo per volumi di scambio giornalieri. Qualsiasi altro mercato al mondo non arriva neanche alla metà della grandezza del Forex.

mercato forex social tradingIn questo mercato si scambiano soldi, o per meglio dire le coppie di valute. Una valuta, come ad esempio il dollaro, non è mai comprata o venduta in termini assoluti, ma sempre in relazione ad un altra valuta. Per cui se compro dollari dovrò, ad esempio, vendere gli euro di cui sono in possesso, e per stabilire quanti dollari riceverò utilizzerò il cambio euro-dollaro, o EUR/USD. Questo cambio cresce o diminuisce a seconda dell’aumentare o diminuire della domanda e della offerta delle due valute.

Nel mercato del Forex si può investire e fare trading (o ancora meglio Social Trading) proprio sul crescere o diminuire del tasso di cambio delle valute. Come si dice nel settore, se compro EUR/USD, o “Vado Long” su EUR/USD (compro euro e vendo dollari), vorrò che il cambio aumenti di valore, in modo da guadagnare la differenza. Viceversa, se vendo EUR/USD, o “Vado Short” su EUR/USD (vendo euro e compro dollari), vorrò che il cambio scenda, per guadagnare sempre la differenza.

Quanto valga questa differenza me lo dice il Pip, che è l’unità di misura dei tassi di cambio. Di solito, il pip è lo scostamento minimo della quarta cifra decimale dopo la virgola (ex. se EUR/USD passa da 1.3000 a 1.3001 è aumentato di un pip).

Il mercato del Forex è oggi molto conosciuto perché, grazie alla sua espansione e all’esplosione delle tecnologie e della connettività, i costi e gli strumenti per potervi partecipare, compreso appunto il Social Traidng, sono davvero alla portata di tutti.

Inoltre, negli ultimi anni, grazie alla tecnologia dei CFD (Contracts for Difference – Contratti per Differenza) alcune società, una tra tutte eToro, stanno aprendo il Social Trading anche al mercato azionario, agli indici e alle materie prime.

Il broker, il tuo compagno di viaggio

Il broker è colui che consente a chiunque lo desideri di partecipare al mercato del Forex e attuare delle operazioni di compravendita, con estrema velocità e soprattutto comodità.

Per contattare un broker si può utilizzare il telefono come si faceva una volta, il proprio computer come si fa ora, o una piattaforma di Social Trading come potresti fare fra poco.

Bisogna assicurarsi che il broker sia regolamentato e con licenza conforme alla direttiva europea MiFID (Markets in Financial Instruments Directive) relativa ai mercati degli strumenti finanziari. AvaTrade per esempio opera nel settore finanziario dal 2006 e dispone di diverse funzionalità per fare social trading.

Il broker, in sostanza, non è nient’altro che un intermediario che si frappone fra te e il mercato vero e proprio.

broker per social trading

Supponiamo che tu voglia andare Long sul cambio EUR/USD, ovvero tu voglia vendere i tuoi dollari e comprare degli euro, perché hai l’intuizione che gli euro saliranno di valore.

A quel punto non devi far altro che contattare il tuo broker e chiedergli di comprare euro e vendere dollari, in nome e per conto tuo, usando i soldi che hai versato su un conto apposito per il trading. Darai disposizioni sulle quantità che vuoi trattare e il broker si occuperà di tutto il resto. Stessa cosa quando vorrai chiudere l’operazione vendendo gli euro e ricomprando i dollari.

Tutto si muove sempre attraverso l’ausilio di broker. Il Social Trading non fa eccezione.

Il Retail Trader (o Signal Provider o Guru)

Il trader non è nient’altro che quella persona che fa appunto trading su un mercato.

Fare trading sui mercati significa attuare delle operazioni di compravendita di un certo tipo di bene, con l’intenzione di realizzare un ricavo dalla variazione dei prezzi di questi beni, posto ovviamente che la variazione sia stata nella direzione che il Trader sperava.

Come già detto, nel Forex si fa trading sulla variazione dei tassi di cambio delle valute, e con i CFD si può fare la stessa cosa anche sui prezzi di singole azioni quotate, indici o materie prime.

signal provider nel social tradingVi sono diversi tipi di trader, quelli che fanno compravendita per istituzioni o quelli che la fanno per grandi compagnie private. Quelli invece che fanno trading in assoluta autonomia e per conto proprio sono detti Retail Trader, o trader autonomi, e operano sui mercati attraverso l’ausilio di un broker, come abbiamo visto prima.

Solitamente (ma non sempre) un trader è una persona esperta, che ha studiato la struttura del mercato, le sue caratteristiche e il suo funzionamento. Con queste conoscenze a supporto, il trader identifica dei momenti favorevoli per operare, ovvero per eseguire le sue operazioni di compravendita.

I metodi, le tecniche e le strategie che i trader usano ormai sono tante quante sono le lingue e i dialetti nel mondo.

C’è chi si affida solo allo studio delle notizie macro economiche per capire gli andamenti globali e fare operazioni di lungo termine; c’è chi usa esclusivamente strumenti tecnici di analisi grazie a piattaforme computerizzate, per fare operazioni di breve, medio o anche lungo periodo, incurante dei dati macro economici; c’è chi fa un po’ di tutte e due le cose.

Ci sono anche quelli che creano col computer dei programmi informatici che faranno le operazioni al posto loro, all’occorrere di specifiche condizioni nell’andamento dei prezzi, anche senza bisogno dell’intervento del trader.

Quando ci si riferisce ad un retail trader nel mondo del Social Trading si preferisce chiamarlo “Signal Provider” (il Fornitore di Segnali), ma ogni società poi tende a chiamare i propri retail trader a modo suo. Ad esempio eToro fino a poco tempo fa soleva chiamarli “Guru“, mentre ora sono più semplicemente “Investitori“.

L’investitore (o follower)

Questo è il ruolo che ricoprirai tu.

Nella grande macchina del Social Trading, l’investitore è colui che ha scelto di ricevere le indicazioni di aprire o chiudere delle determinate compravendite, su dei determinati cambi, direttamente da uno o più retail trader precedentemente scelti.

Cosa vuol dire?

investitore follower social tradingVuol dire che se tu scegli un trader, o come viene meglio detto un Signal Provider, ogni qualvolta quel Signal Provider aprirà un operazione sul suo personale conto di trading, quello stesso tipo di operazione verrà automaticamente aperta anche sul tuo conto di trading, grazie appunto al processo di Social Trading.

Identico processo quando deciderà poi di chiuderla. Se l’operazione del trader avrà realizzato un profitto, anche la tua operazione avrà realizzato un profitto. Stessa cosa per le perdite. Niente di più semplice.

Quando ci si riferisce ad un investitore nel mondo del Social Trading, spesso lo si chiama “Follower” (Colui che segue), soprattutto nel caso di ZuluTrade.

La società di Social Trading

società di social tradingChi fa in modo che questa magia avvenga è la società di Social Trading.

Queste società si occupano, in ultima analisi, di mettere in comunicazione rispettivamente i broker dei Signal Provider con quelli degli investitori. Una società che fa precisamente questo è ZuluTrade.

In pratica la società si mette d’accordo, da un lato, con il broker del Signal Provider, concordando che ogni qual volta quel trader farà un’operazione, questa dovrà anche essere immediatamente comunicata alla società di Social Trading. Dall’altro lato, concorda con il broker dell’investitore follower che gli ordini di compravendita che arriveranno dalla società di Social Trading saranno autorizzati e replicati così come inviati.

Quando un’operazione verrà effettuata dal Signal Provider, la società la raccoglierà e la girerà a tutti i rispettivi broker degli investitori che avevano deciso di seguire quel trader. Il broker, una volta ricevuto l’ordine, lo eseguirà immediatamente sul conto dell’investitore, secondo i dettagli contenuti nell’ordine stesso.

Un altro modello è invece quello proposto da eToro. Questa società non mette in comunicazione i broker di trader e investitori. EToro è lui stesso un broker a tutti gli effetti, e i suoi clienti hanno aperto un conto direttamente presso questa società. Il lavoro di replica degli ordini è fondamentalmente lo stesso, ma viene gestito tutto internamente.

Ed ecco svelata l’identità dei partecipanti al mercato più grande al mondo, attraverso la tecnica d’investimento più innovativa, il Social Trading.

Nella prossima lezione ti mostreremo come questa operazione di replica avviene nel dettaglio.

CORSO SOCIAL TRADING

#1 La storia del Social Trading #1
#2 Gli attori principali nel Social Trading #2
#3 Il Processo di replica nel Social Trading #3
#4 Essere un Signal Provider nel Social Trading #4
#5 Essere un follower nel Social Trading #5
#6 Caratteristiche dei Signal Provider #6
#7 Categorie di Signal Provider #7
#8 Il fattore rischio nel Social Trading #8
#9 Equity Line e Drawdown nel Social Trading #9
#10 Principi di Money Management nel Social Trading #10
#11 Le Aspettative di rendimento nel Social Trading #11
#12 Guida Social Trading panoramica #12

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *