Il Social Trading funziona davvero?

da | Set 19, 2018 | Social Trading Segreti | 0 commenti

“Il Social Trading funziona davvero?” è la domanda che si pongono in molti all’inizio.

La risposta più semplice e breve è che sì, funziona. Il social trading è un ottimo modo per imparare a fare trading gestendo comunque del denaro reale.

Ma se stai veramente prendendo in considerazione il social trading, innanzitutto non pensare che sia la soluzione a tutti i problemi e poi, prima di iniziare, è sicuramente meglio scoprire il più possibile riguardo a come funziona e quali sono i rischi.

Pronto a scoprire tutto?

Social Trading Funziona Davvero

Cosa è il social trading?

Il Social Trading, tra i vari tipi di strumenti di investimento, è una disciplina di ultima generazione, nata grazie al Web 2.0. Consente all’investitore, anche se senza esperienza, di copiare manualmente o automaticamente le transazioni fatte da uno o più investitori professionisti all’interno di una rete di trading.

Tra l’altro, questa è la nostra personale Top 10 dei migliori  Social Trading Network.

Essenzialmente, i network di social trading sono come il facebook del mondo degli investimenti, dei luoghi ideali per quei principianti che vogliono farsi le ossa. La cosa più importante però, è che sono perfetti per imitare i trader professionisti, provando a replicarne i profitti. La maggior parte dei network di social trading offrono un news feed sulle attività degli altri trader, come l’apertura e chiusura di posizioni. Solitamente, è possibile cliccare sui profili degli altri trader per visualizzare più informazioni sulle loro operazioni e sulla loro esperienza.

Queste informazioni di solito sono disponibili gratuitamente, ma solitamente le piattaforme provano ad incentivare gli investitori a divulgare le proprie operazioni, e chi li segue potrebbe dover pagare una parte dei propri profitti per copiarli.

Un enorme vantaggio del social trading è la facilità con cui è possibile comunicare per imparare con gli altri investitori, tramite commenti e messaggi privati. Se dovessi essere confuso sul motivo per cui un trader ha fatto qualcosa, basterà chiederglielo. Detto questo, non tutti i trader sono socievoli e non tutti potrebbero voler condividere le proprie informazioni con gli altri.

Prima del social trading, per imitare le operazioni di altri trader era necessario un processo complicato, che richiedeva molta analisi tecnica, e dato il tempo che serviva per farlo, il trade “imitato” raramente portava agli stessi risultati. Oggi, sono molti quelli che sostengono che il social trading renda la transizione da principiante a professionista molto più veloce, anche se questo rimane comunque opinabile.

Pur essendo essenziale che i novizi imparino un po’ di teoria del trading prima di iniziare, ad un certo punto, per capire veramente come funziona il trading, tutta la conoscenza acquisita va messa in pratica. Con il social trading invece, un investitore non deve necessariamente avere molte conoscenze riguardo i mercati finanziari per poter iniziare. Detto questo, iniziare così non è comunque consigliabile (ne parleremo tra poco).

Il Social trading è anche un ottimo modo per superare la temuta “paralisi da analisi”. La paralisi da analisi è quel fenomeno per il quale i trader agli inizi, anche dopo aver fatto le dovute analisi, hanno comunque paura di iniziare a operare per via della tendenza ad analizzare troppo tutti i dati a disposizione. Non sanno più come interpretare tutte le informazioni sui propri schermi. I trader che soffrono di paralisi da analisi spesso iniziano troppo nervosi, e diventano presto insicuri delle proprie operazioni, sempre se riescono a farne. Il social trading quindi diventa l’ideale per chiunque sia troppo intimidito per fare la prima mossa, proprio perché può rimuovere le emozioni dalle proprie operazioni.

Tipi di social trading

Ci sono diversi modi in cui i trader possono trarre beneficio dal social trading.

Ma è bene ricordarsi che non tutte le strategie funzionano per tutti gli investitori, e che ciascuna strategia ha i propri pro e contro. I tipi principali di social trading sono il copy trading e il mirror trading.

– Copy trading

Il copy trading prevede che gli investitori aprano e chiudano le stesse posizioni di trader più esperti. Un copy trader può copiare quanti trade vuole e smettere di replicare le operazioni quando vuole. È possibile copiare automaticamente tutti i trader che vuoi, anche se non è consigliabile in quanto si rischia di perdere molti soldi se non si sta attenti.

– Mirror trading

Il mirror trading invece consiste nell’adottare per intero la strategia computerizzata di un trader, invece di replicare le posizioni come nel copy trading. Nella realtà è comunque molto simile al copy trading.

Il social trading è redditizio?

La risposta a questa domanda è un po’ più complicata.

Sebbene sia possibile fare soldi con il social trading, è anche molto facile perderli, se non sai cosa stai facendo. Anche se il social trading semplifica certe cose, molti trader principianti hanno iniziato comunque troppo presto a fare social trading e senza esperienza, mettendoci il minimo sforzo, senza capirne i rischi connessi.

In realtà, dipende dal tuo stile di trading, da quanto sei attento, da quanto hai voglia di imparare e da come vuoi utilizzare i trader che segui.

Cosa devi sapere

Siamo chiari; il social trading non è un biglietto della lotteria per fare soldi sicuri. Ci sono comunque molte cose che possono andare storte e devi essere preparato a queste eventualità.

– Scarsa gestione

Semplicemente, quando utilizzi piattaforme di social trading, sii attivo. Potresti trovare un ottimo trader o due da seguire, ma non pensare che basti. Se smetti di curare il tuo investimento, potresti cominciare a perdere il tuo capitale.

Assicurati di impegnarti nell’analizzare le operazioni e le strategie che ti interessano, e non solo la tua performance. Se non ti sforzi minimamente di seguire le tue operazioni non imparerai nulla, il che significa che a lungo termine perderai quasi sicuramente.

– Portfolio poco diversificato

Uno degli errori più diffusi tra i social trader è la mancanza di diversificazione dei propri trader. Gli utenti tendono a seguire e selezionare solo i trader di un mercato in particolare. Questo può rivelarsi molto rischioso, in quanto se quel mercato dovesse peggiorare violentemente, non avresti altri mercati su cui investire per cercare di coprire le perdite.

– Chi seguire

Ad ogni modo, se segui solo un trader, come fai a sapere se è veramente bravo?

Un errore che fanno molti investitori principianti è dare per scontato che, visto che un trader lavora da molto tempo o ha fatto molte operazioni, sicuramente sa quello che sta facendo. In realtà, non è assolutamente indicativo del suo successo.

Non affidarti ciecamente alle classifiche delle piatteforme di social trading, possono essere manipolate e spesso hanno poco valore. Ci sono molti trader che utilizzano strategie estremamente rischiose solo per salire rapidamente nella classifica. Un altro problema è che alcune strategie sembrano perfette a prima vista, promettono profitti fantastici, ma non dicono quanto sia possibile perdere o come potrebbero reagire a certi livelli di prezzo, tutti fattori che potrebbero metterti in seria difficoltà.

Al link a seguire potrai trovare alcuni esempi di come cercare buoni trader da copiare.

Una volta che avrai scelto di seguire qualche trader, bisogna anche sapere come utilizzarli al meglio. Pensa a questi trader come se fossero membri della tua squadra. Ognuno ha delle abilità particolari e dovrebbe essere usato in quelle situazioni in cui dà il meglio. Se non li utilizzi al meglio, la tua squadra potrebbe perdere.

– Incomprensione del rischio

Hai ben chiaro quando potresti perdere?

Un trader deve sempre sapere quando fermarsi e quanti soldi può permettersi di perdere facendo trading. La strategia che decidi di seguire deve tenerne sempre conto. Il trader che stai seguendo, se è sufficientemente bravo, molto probabilmente potrà permettersi di perdere più soldi di quanto possa tu, pur continuando a operare.

– Tempismo

Ricorda che quando stai copiando i trade di qualcun altro, l’operazione non avverrà esattamente allo stesso momento, per via dello slippage. Nei casi peggiori, potrebbero passare alcuni secondi. È un tempo sufficiente affinché i prezzi fluttuino, e potresti finire per aprire una posizione a un prezzo molto diverso dal trade originale.

Allo stesso modo, potresti chiudere una posizione in ritardo, riducendo anche di parecchio il tuo profitto. È sufficiente per cambiare drasticamente le aspettative di molte persone. Non aspettarti mai di ricavare gli stessi profitti del trader che stai seguendo.

– Truffe

Ci sono anche alcune truffe a cui stare attenti. Spesso appaiono sotto forma di opzioni binarie e trading signal. Quando cerchi un servizio online che ti aiuti con il social trading devi saperli riconoscere, e per farlo serve parecchio buon senso.

Per evitare le truffe, prima bisogna fare parecchia ricerca. È altamente consigliabile provare prima a utilizzare un account demo, se c’è la possibilità, per renderti conto di quali servizi vengono offerti e se funzionano. Spesso, il segno rivelatore più grande è se le piatteforme sono progettate male. È utile anche provare il servizio clienti. Se non viene offerto nessun servizio alla clientela, è un pessimo segno. Se invece hai qualche opzione di supporto a disposizione, mettili alla prova, controlla quanto sono reattivi e come trattano i propri clienti.

Ultimo, ma non meno importante, controlla le recensioni dei clienti. Cosa dicono dei servizi che hanno ricevuto finora? Sono commenti positivi o negativi? Nel peggiore dei casi, non hanno alcun feedback, il che sarebbe veramente sospetto. Stai attento quando leggi le recensioni però. Alcune recensioni potrebbero essere di persone scontente per il fatto di aver perso soldi, ma per colpa loro, il che non ha nulla a che fare con i servizi erogati.

– Servizi affidabili

Prova a familiarizzare con i servizi di social trading più rinomati.

eToro e ZuluTrade sono forse i due migliori esempi di piattaforme di social trading legittime e funzionali. Se stai pensando di usare un altro servizio meno conosciuto, confronta le funzionalità e gli incentivi offerti.

Un altro ottimo posto in cui cercare sono i forum, dove i trader discutono dei vari servizi che hanno utilizzato.

Conclusioni: Quindi, il Social Trading funziona davvero?

Per molti versi, il social trading è il passo successivo più logico per i principianti che hanno acquistato un po’ di conoscenze tramite corsi o ricerche personali. Dopo aver imparato le basi, investire sulle spalle di un trader veterano e comunicare con altri trader può farli sentire più fiduciosi di mettere in pratica le proprie conoscenze. Una volta che sentono di aver capito ciò che stanno facendo, possono abbandonare il nido del social trading e iniziare a fare trading per conto proprio, se preferiscono.

Si possono fare soldi con il copy trading?

Sì! Se sei strategico e ti interessi attivamente delle tue operazioni, su una piattaforma affidabile e senza fare mosse avventate. Per ottenere il massimo dal social trading, sii socievole e fai domande, vivilo come un ambiente di apprendimento. Ricorda sempre che il social trading è una tappa verso il trading professionistico. Se rimani bloccato a tappa, difficilmente potrai andare oltre.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *