Il Drawdown di ZuluTrade: come funziona

da | Mag 11, 2018 | Zulutrade Guide | 0 commenti

Nel corso delle lezioni della nostra Guida ZuluTrade abbiamo citato più volte il Drawdown di ZuluTrade. Lo abbiamo fatto perché è un elemento fondamentale dell’analisi che ti porterà alla creazione del portafoglio adeguato ai tuoi obiettivi di rischio/rendimento.

ZuluTrade, che da sempre è molto attenta ai suoi investitori ed alla sua community, ha da diverso tempo modificato il modo in cui mostra il DrawDown dei suoi trader, portandolo da una rappresentazione distante dal concetto comune e condiviso di DrawDown (e dobbiamo dire anche un po’ fuorviante) ad una rappresentazione corretta e molto dettagliata, che dà possibilità al trader di farsi la corretta idea sulla rischiosità della strategia applicata dal trader.

Prima di passare in rassegna il DrowDown di ZuluTrade è importante capire cosa si intende tradizionalmente quando si parla di DrawDown.

Perché il Drawdown è così importante

Iniziamo chiarendo perché il Maximum Drawdown di un Trader di ZuluTrade sia un dato così importante per la tua attività di investitore follower. Il motivo è sempre legato alla fondamentale gestione del rischio.

Considerato su un trader con un sufficiente periodo di tempo (minimo un anno), il Max Drawdown rappresenta il peggior momento storico operativo del trader, il periodo in cui la sua strategia ha sofferto di più, prima di riprendersi. Per traslazione, quello è il momento peggiore che anche tu avresti potuto subire se avessi seguito i segnali di quel trader, per cui è un ottimo punto di partenza per cominciare a ragionare su quali possono essere i rischi associati a quel Trader e alla sua strategia.

Occorre chiarire comunque che le performance passate non sono mai garanzia di performance future. Questo vuol dire che, se un trader ha avuto un Max Drawdown per anni di 1000 pip, non significa che in futuro questo non possa peggiorarlo.

In ogni modo, siccome hai la possibilità di ragionare solo su dati certi e non su supposizioni, il valore di Max Drawdown è sicuramente un pilastro portante per progettare la gestione del rischio nel tuo portafoglio.

Per questo è fondamentale avere ben chiaro cosa vuol dire Drawdown, perché su questo dato dovrai basare il calcolo del tuo rischio, che è la cosa più importante per il successo del tuo investimento.

Il Drawdown classico

Partiamo dall’immagine 1.

drawdown classico zulutrade

Questo è un esempio del Drawdown tradizionale. Il grafico rappresentato è una Equity Line in pip, e potrebbe benissimo essere quella di un Trader di ZuluTrade.

Il punto A è il punto di partenza, ovvero il giorno 1 in cui il Signal Provider di ZuluTrade non ha guadagnato ancora niente. Il trader comincia a operare e nel giro di un mese realizza dei profitti, supponiamo di 1000 pip.

Il punto B rappresenta il nuovo ammontare del conto del Trader, trascorso il mese da quel primo giorno 1. Supponiamo poi che il Signal Provider continuai ad operare, ma questa volta con scarso successo. Trascorso un altro mese, il trader realizza una perdita, supponiamo di 400 pip.

Il punto C rappresenta il nuovo saldo di 600 pip, dopo che il conto su ZuluTrade ha incassato le perdite. Le operazioni continuano, e nel mese a venire il Signal Provider opera bene, e i suoi profitti sono tali che vengono sia recuperate tutte le perdite del mese precedente, sia generati nuovi profitti, tali che il conto, passato un altro mese, è in positivo di 1600 pip.

Come prima, il punto D rappresenta il nuovo saldo generato dal Trader, trascorso l’ultimo mese.

drawdown classico

Dalla situazione attuale puoi trarre le tue considerazioni. Il punto E è il punto in cui il conto, su ZuluTrade, è tornato al livello massimo, ovvero il punto B, e l’ha anche superato.

Ora il nuovo massimo, il nuovo punto più alto rispetto a tutti i precedenti nel saldo del conto su ZuluTrade è il punto D.

Ecco la condizione imprescindibile perché ci sia un Drawdown analizzabile. Per Drawdown classico si intende la misura delle perdite del saldo prima che questo abbia raggiunto un nuovo massimo.

Nel nostro esempio, il Drawdown è la misura tra il punto B e il punto C, ovvero il numero di pip persi da B a C, prima di arrivare al punto E. Possiamo dire che nel nostro caso, il conto del Signal Provider di ZuluTrade ha subito un Drawdown di 400 pip.

Di quel Drawdown possiamo dire anche che ha avuto una durata di circa un mese, ovvero è passato un mese prima che il conto tornasse a generare un nuovo massimo di profitto.

Una maniera molto utile di esprimerlo è in percentuale. Possiamo inoltre calcolarlo usando due diversi riferimenti:

  • Usando l’ammontare di pip prima che il Drawdown cominciasse. In questo caso avremo:

400 / 1000 = 0,40

0,40 x 100 = 40 %

Questa visualizzazione è ottima per capire cosa è successo quando quel Trader ha incontrato quel Drawdown. In questo caso possiamo dire che in quella particolare occasione il trader ha perso il 40 % dei profitti accumulati fino a quel momento. È un dato utilissimo, ma occorre contestualizzarlo, soprattutto con il periodo in cui è avvenuto.

  • Usando l’ammontare totale di pip guadagnati dal Trader fino a questo momento. In questo caso invece avremo:

400 / 1600 = 0.25

0.25 x 100 = 25%

Questa visualizzazione invece rivisita il Drawdown sul totale dei profitti, in pratica valuta sempre la portata della perdita, ma questa volta sul potenziale di guadagno che la strategia è stata in grado di generare. Di sicuro questo secondo modo di calcolare la percentuale di DD è il più utilizzato, ma non devi assolutamente sottovalutare il primo tipo, perché può essere davvero utile.

Il Drawdown di ZuluTrade – Ultima Versione

Come già anticipato, apprezziamo molto l’evoluzione che ZuluTrade ha fatto nella modalità di esposizione del DrawDown. Per questo motivo vogliamo descrivertela nel dettaglio.

Le informazioni sul DrawDown le puoi recuperare in diversi punti:

1) All’interno del dettaglio della classifica dei trader.

zulutrade drawdown classifica trader

2) All’interno della scheda di dettaglio del trader, nella sezione a sinistra

zulutrade drawdown sidebar

3) Sempre all’interno della scheda di dettaglio della strategia del trader, sotto il grafico.

zulutrade drawdown bottom

4) Infine, nella sezione grafici, dove è presente un’intera sezione correlata da tre filtri.

zulutrade drawdown grafico

Per i primi tre punti descritti, dove viene data visibilità al DrawDown, il valore viene esposto in pip e non in percentuale. Spetterà a te trovare la percentuale, applicando i ragionamenti che ti abbiamo descritto nel paragrafo precedente.

Vediamo invece più nel dettaglio quanto rappresentato all’interno del grafico.

ZuluTrade DrawDown – Solo Compravendite Chiuse

zulutrade drawdown solo compravendite chiuse

L’esposizione di questi dati avviene attraverso un grafico lineare blu, che unisce il saldo contabile dell’account del trader alla chiusura di ogni giornata operativa.

Questo tipo di esposizione (usata frequentemente in passato da ZuluTrade), non può rappresentare la realtà dei fatti, in quanto priva di molti dati importanti, come ad esempio tutto ciò che stanno combinando le operazioni aperte e ancora a mercato.

ZuluTrade DrawDown – Prelievo Quotidiano (Daily DrawDown)

zulutrade drawdown prelievo quotidiano

Vista la carenza di dati del primo grafico, abbiamo la possibilità di selezionare il filtro “Prelievo Quotidiano” (brutta traduzione di “Daily Drawdonw”) che, attraverso degli istogrammi verdi, mostra l’entità della perdita giornaliera in pip dei trade aperti.

Questo grafico, contrariamente al precedente, è molto utile perché ti offre la possibilità di vedere l’entità delle perdite del trader, senza filtri.

Come abbiamo detto, qui puoi vedere l’ammontare giornaliero delle operazioni aperte ed in perdita del trader. Anche questo dato non è completo in quanto non sono visibili le operazioni aperte a mercato ma in profitto.

Mi spiego meglio, se nella singola giornata il trader avesse un operazione in profitto di 1.100 pip, ed una in perdita di 500 pip, questo grafico ti riporterebbe un istogramma di -500 pip, senza considerare che la posizione netta in realtà sarebbe in profitto per 600 pip.

Diciamo che da questo grafico vedi una situazione potenzialmente peggiore di quella reale. È comunque un bell’angolo di visuale, da dove puoi spiare i momenti bui della strategia del trader, ma non è l’angolo “reale”.

Come anche per il grafico precedente, posizionandoti sul punto di tuo interesse, riceverai l’informazione del giorno analizzato e dell’ammontare di pip di drawdown.

ZuluTrade DrawDown – Profitto

L’ultimo ed anche il più gustoso filtro lo abbiamo tenuto alla fine. Se sommiamo i valori ottenuti con il filtro “solo compravendite chiuse” a quelli di “prelievo giornaliero” otteniamo il grafico “Profitto”.

zulutrade drawdown profitto

Il filtro Profitto nella rappresentazione grafica del DrawDown è la sintesi dei due precedenti indicatori.

Per la nostra personale esperienza, è il grafico sul quale vale la pena ricercare il massimo DrawDown in pip, che coincide con quello che troverai riportato negli altri settori che ti ho descritto precedentemente.

Ma quindi, se ho già il valore in pip, a che cosa serve il grafico?

Il grafico ci fornisce molte più informazioni di un singolo numero.

Con il grafico hai la rappresentazione dell’andamento storico del conto del trader e quindi puoi vedere:

1) Oltre all’entità, la durata che ha avuto il max drawdown. Per durata si intende il tempo impiegato dalle performance del trader a tornare al di sopra dei valori iniziali, dopo aver incontrato una serie di trade negativa. Sono considerazioni utili da fare quando progetti di copiare l’operatività del trader.

zulutrade drawdown profitto durata

2) L’entità media del DrawDown del trader, e puoi calcolarne la percentuale. Conoscendo il valore massimo in pip prima della discesa e quello minimo, puoi ricavare una percentuale. Deciderai poi a quel punto se sono valori che si allineano alla tua idea di rischio.

zulutrade drawdown profitto percentuale

3) Qual è il comportamento usuale nel tempo della strategia del trader, sempre in funzione della tua idea di rischio, di profitto e, in questo caso, anche di convivenza all’interno di un portafoglio più complesso di trader.

zulutrade drawdown profitto dd medio

ZuluTrade DrawDown – Tutti i Filtri

I filtri che ti ho appena descritto possono essere usati singolarmente o anche in combinazione tra di loro.

zulutrade drawdown tutti filtri

Unendoli tutti assieme, all’interno dello stesso grafico, avrai la possibilità di ricevere molte più informazioni, in alcuni casi determinanti.

Nell’immagine che ti ho riportato a titolo di esempio, puoi vedere come la strategia operativa del trader nel tempo sia cambiata. Ora, per esperienza personale, senza nemmeno scendere troppo nel dettaglio, posso dirti che siamo di fronte ad un trader che usa molto la rischiosa strategia martingala per portare le sue operazioni in profitto.

Come puoi vedere, soprattutto all’inizio sono presenti posizioni in perdita per quasi 5.000 pip. Quindi, è un trader che lascia molto correre le operazioni in perdita. Si può notare però come nel corso del tempo, diciamo maggio 2017 questa tendenza sia cambiata per poi ripresentarsi in misura minore da gennaio 2018. In questi casi o il trader ha cambiato strategia (raro) ho sta incontrando dei mercati che lo agevolano nella sua strategia.

Indipendentemente da quello che può aver determinato una modifica della strategia operativa, avendo indagato attraverso i filtri che ZuluTrade ci ha messo a disposizione, abbiamo stanato il suo modus operandi. Ora possiamo davvero decidere se questo ci piace o meno.

 

CORSO ZULUTRADE

#1 Conto Demo ZuluTrade #1
#2 Sezioni mio Conto ZuluTrade #2
#3 Sezione impostazioni ZuluTrade #3
#4 ZuluGuard, Trailing Stop, Offset Pip, Pip Spacing #4
#5 ZuluRank di ZuluTrade #5
#6 Signal Provider ZuluTrade pt.1 #6
#7 Signal Provider ZuluTrade pt.2 #7
#8 Signal Provider ZuluTrade pt.3 #8
#9 Il Drawdown di ZuluTrade #9
#10 Migliori Trader ZuluTrade #10
#11 Simulazione di portafoglio ZuluTrade #11
#12 Come aprire il conto live ZuluTrade #12

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *